BR1 (Locri, Italy - 1984) lives and works in Turin, Italy.

​In 2009 he graduated in Islamic Law from the University of Turin Law School, and from 2014 he is a lawyer.


Visual artist interested in contradictions caused by the capitalist model collision with cultures and experiences of people from the Mediterranean area.

The scenario in which his artistic practice takes shape is the public space, in which BR1 acts favouring an ephemeral and spontaneous approach.​


Through billboard takeovers, performances, and numerous urban interventions, BR1 has been addressing various social and political issues, with his primary focus being the deconstruction of Eurocentric values and hegemonic discourses. The collision of cultures and the downfall of multicultural ideals in contemporary times have served as a major source of inspiration to the Italian Artist who began to reflect on the ambiguities of globalized society, which instead of erasing borders creates new levels of social exclusion.


Graduating in Islamic law, with the thesis on the veil, BR1 is particularly interested in the questions of female identities in Middle Eastern and Mediterranean societies. A large part of his work is dedicated to the idea of deconstruction of female Muslim identity and it boldly approaches the acute debate on the veil.


Nonetheless, BR1 is dealing with the theme of migration, incapability of governments to handle the issue, along with the indifferent, discriminatory and racist attitudes that came to dominate and influence public opinions.


BR1 investigates the concept of border, physical e mental. We are living in the period of the Mediterranean crisis, that is a clear signal of how the balance which should tie the two shores of the sea does not really exist. For this reason the Artist started, therefore, a series of journeys along the European Border, because he is convinced that those who live near the border they have a lot to teach, in terms of identity and multiculturalism.


BR1 wants to discover Cultural Analogies: experiences that have something in common between the Artist’s culture and the culture of the Stranger. This need pushes him to travel, exceeding mental and geographical limits.


Travelling around the Mediterranean give the possibility to discover that people living in the Mediterranean area they have a common culture, that survives to the time, politics and religion. This mediterranean culture is rooted in BR1, which has roots in the history of his ancestors lived in Calabria, a land in the middle of the sea, which hosted all peoples who sailed that sea over the centuries.


BR1 wants to explore the Mediterranean culture in order to point out that we are just individuals that need to live the entire world without any fear, because everyone is a Stranger on this world.





BR1 (Locri - 1984) vive e lavora a Torino.Nel 2009 si laurea in diritto islamico presso la facoltà di Giurisprudenza di Torino. Dal 2014 è avvocato.


BR1 è un artista visivo interessato alle contraddizioni generate dalla collisione del modello capitalista con la cultura e la tradizione dei popoli mediterranei. Lo scenario in cui la sua pratica artistica prende forma è lo spazio pubblico, in cui agisce privilegiando un approccio effimero e spontaneo.


Attraverso poster incollati sui cartelloni pubblicitari, performance e interventi urbani, BR1 riflette sui fenomeni sociali e politici della nostra epoca, con un interesse rivolto alla decostruzione dei valori eurocentrici e all’egemonia occidentale.


Il rapporto conflittuale tra culture diverse e la disgregazione degli ideali multiculturali, spingono l’artista a riflettere sulle ambiguità di una società globalizzata, che invece di attenuare i limiti e le frontiere, crea nuovi livelli di esclusione sociale.


Laureato in diritto islamico con una tesi sul velo, BR1 è particolarmente interessato alla posizione della donna nella società islamica contemporanea e nell’area euro-mediterranea. Il dibattito sul velo, considerato un simbolo spartiacque tra la cultura occidentale e quella islamica, è un argomento primario nella ricerca dell’Artista.


Negli ultimi anni BR1 ha realizzato una serie di opere che indagano con passione le migrazioni, fenomeno sociale in cui la vita e l’identità degli stranieri è spesso contrapposta ad un'opinione pubblica ostile e ad un potere politico che non riesce a gestire le conseguenti problematiche.


BR1 indaga il concetto di confine, fisico e mentale. Stiamo vivendo il periodo della crisi mediterranea, che è un chiaro segnale di come l’equilibrio che dovrebbe legare le due sponde del Mediterraneo in realtà non esiste. L’Artista ha quindi iniziato una serie di viaggi lungo il confine dell’Europa, convinto che chi viva in una situazione di confine abbia molto da insegnare in termini di identità e multiculturalismo.


BR1 vuole scoprire Analogie Culturali: esperienze che hanno punti in comune tra la sua cultura e quella dello straniero. Questa ricerca lo spinge a viaggiare, superando il proprio limite mentale e geografico.


Viaggiando si scopre che i popoli del Mediterraneo sono tutti portatori di una cultura comune, che sopravvive nei secoli, e resiste perfino alla politica e alla religione. Essa è ben radicata nel vissuto dell'Artista, le cui radici vanno cercate in Calabria, terra in mezzo al mar Mediterraneo che ospitò tutti i popoli che lo navigarono.


BR1 vuole sviscerare la cultura mediterranea per mettere in evidenza che siamo solamente individui che devono vivere il mondo intero senza paura, perchè ognuno è Straniero su questo mondo.